The Bloom Inflammation Test

05.07.2022

Il test CRP intelligente ottiene il via libera per l’uso professionale e l’azienda medtech svizzera si espande in Europa

Il nuovo test per l'infiammazione che misura la CRP è l'ultima innovazione di Bloom Diagnostics nel campo delle soluzioni sanitarie basate su cloud per uso professionale

SVIZZERA: L'azienda medtech svizzera Bloom Diagnostics ha annunciato oggi il lancio del Bloom Inflammation Test, progettato per misurare quantitativamente la presenza della proteina C-reattiva (CRP) utilizzando il Bloom System. Il Bloom Inflammation Test è progettato per essere utilizzato da professionisti in campo medico, consentendo a medici e farmacisti di misurare e quantificare rapidamente l'infiammazione in chiunque abbia almeno 18 anni. Bloom Diagnostics, con sede a Zurigo, in Svizzera, è un'azienda innovativa nel campo delle tecnologie mediche che ha sviluppato un sistema intelligente per rilevare un'ampia gamma di condizioni mediche.

Il Bloom Inflammation Test è un kit di analisi semi-automatico monouso per la misurazione quantitativa della CRP nel sangue, al fine di rilevare l'infiammazione nell'organismo. L'aumento della CRP può essere causato da una serie di diverse condizioni mediche, tra cui asma, artrite, BPCO, diabete, morbo di Crohn, polmonite e altro ancora.

Il Bloom Inflammation Test fornisce cinque diverse classificazioni in base ai livelli di CRP contenuti nel campione analizzato, che vanno da Normale fino a Infiammazione di grado elevato. Consente agli operatori sanitari di analizzare i livelli di CRP da una singola goccia di sangue e di ricevere risultati accurati in pochi minuti. Il kit segue i test Bloom per la riserva ovarica, la ferritina e la tiroide, con l'obiettivo di fornire agli utenti l'accesso a una gamma di test clinici e a domicilio, alleggerendo la pressione sui medici di base e sui sistemi sanitari sotto pressione.

Il kit monouso per l'esame quantitativo professionale della Proteina C-Reattiva è destinato agli adulti a partire dai 18 anni di età, escluse le persone in gravidanza. I campioni di sangue prelevati tramite una lancetta pungidito, vengono raccolti in una striscia reattiva, che viene poi inserita all’interno del Bloom Lab. Gli algoritmi basati sul cloud e la tecnologia IA aggregano i risultati dei test con altre informazioni sullo stato di salute, all'anamnesi, allo stile di vita e ai sintomi individuali. Il feedback completamente criptato viene fornito attraverso un report personalizzato sulla Bloom App dopo soli 20 minuti.

Bloom Diagnostics è stata fondata nel 2018 dalla dottoressa Angelica Kohlmann e da Tom Kupper. Nel 2020 e nel 2021 l'azienda ha chiuso dei round di finanziamento per rafforzare ulteriormente la R&S e guidare l'espansione in tutta Europa. Tra i primi investitori di Bloom Diagnostics figurano l'austriaca Speedinvest e il canadese Walter Group. Bloom Diagnostics mira ad aggiungere rapidamente nuove funzionalità significative alla sua gamma di capacità per accelerare il ritmo delle scoperte cliniche e, in ultima analisi, lo sviluppo di nuove terapie. 

Una ricerca pubblicata dall’NHLBI a Bethesda ha riscontrato alte concentrazioni di proteina C-reattiva nella metà dei soggetti esaminati che presentavano anche condizioni infiammatorie. Anche se gli esperti di ricerca affermano che ogni caso di livelli di CRP deve essere considerato individualmente, la concentrazione della proteina è un marcatore significativo di condizioni di salute più ampie, e quindi un indicatore prezioso per i medici. 

Commentando l'ultimo annuncio, la dott.ssa Angelica Kohlmann, MD PhD, co-fondatrice e presidente di Bloom Diagnostics, ha dichiarato: "L'obiettivo principale di Bloom è creare consapevolezza sul fatto che il test, in generale, è la misura migliore per prevenire o trattare condizioni gravi. La possibilità di testare la CRP è un elemento importante per i medici e i clinici e siamo orgogliosi di contribuire al progresso della tecnologia medica aggiungendo questo test alle capacità del Bloom Lab".

"Per Bloom, in quanto azienda giovane, la diffusione in nuove aree geografiche è sempre una sfida. Ogni Paese ha le sue specificità. Vediamo grandi nuove opportunità nel Regno Unito e in Italia, poiché consideriamo entrambi i Paesi molto aperti, con molti primi adottatori quando si tratta di nuove tecnologie. Ricordo quando sono arrivati sul mercato i primi cellulari e in Germania non conoscevo quasi nessuno che avesse un dispositivo del genere. Ho viaggiato in Italia e tutti ne avevano uno!"

Commentando l'ultimo annuncio, Tom Kupper, cofondatore e Chief Product Officer (CPO) di Bloom Diagnostics, ha dichiarato: "L'infiammazione è un sintomo comune a molti disturbi e stimiamo che oltre la metà della popolazione adulta potrebbe beneficiare di test più frequenti. L'infiammazione è correlata alla dieta, all'esercizio fisico e a condizioni mediche come il diabete e l'artrite. L'introduzione di uno strumento semplice e accessibile per misurare e quantificare lo stato infiammatorio dell'organismo può avere un impatto incredibile. Siamo entusiasti di lanciare finalmente il Bloom Inflammation Test".

"Siamo entusiasti di aggiungere due importanti Paesi europei e quasi 130 milioni di persone alle nostre attività commerciali con il Regno Unito e l'Italia – più che raddoppiando l'attuale portata di Bloom. Nel settore medico, non esistono due Paesi che possano essere trattati allo stesso modo, poiché i sistemi sanitari sono molto diversi. Per questo motivo adattiamo sempre con attenzione la nostra strategia a tutte le aree geografiche". 

Shopping Cart
Your shopping cart is empty.
Total

Tax included and shipping calculated at checkout.